top of page
Delivering Package

Tutor privato: offerte!

Dopo la prima lezione e il primo incontro conoscitivo, grandi offerte su tutoraggio online e aiuto compiti, attività extrascolastiche e lezioni di italiano per stranieri!

Corrado Veneziano. Quando l'amore dice amore ma non crede


Lo spazio s'adibisce a galleria nella casa di Corrado Veneziano immersa nel verde.


Subito si nota la sorpresa provocata dalle opere della personale, rievocanti passaggi storici, delle tematiche più cruciali, una sorpresa, incantata dalla dolce libertà ispiratoria che le ha animate. Un raffronto d'autorità. Un rapporto maestro di un poliedrico artista.


Ogni quadro un'opera, ogni opera un concetto, ogni concetto una tematica contemporanea, impegnata, sprigionata in uno stile libero che sembra demandare.

Quanto costa la realtà?


L'artista combina perfettamente una pittura soffusa e materica, di mistione, con una critica concettuale, questi come in un matrimonio idilliaco ricercano la loro sorta di palingenesi in un'estetica della coppia. Connubio al quanto difficile, con equilibrio devono reggere l'impatto severo del tempo: omettere quando hanno ragione e ammettere quando hanno sbagliato. I versi del poeta americano, Ogden Nash, nato con un bel sole potente, aiutano: due segreti per mantenere vivo il matrimonio: 1. Quando hai torto, ammettilo. 2. Quando hai ragione, taci.


Proprio l'attenzione posta al reale, al particolare rivelatore di un concetto più astratto e non meno concreto, la stazione di un metrò, il fondale di una piscina, le strisce pedonali, l'impronta di un tombino, il Q-code di un viaggio a Londra, divengono esegesi di un mondo che mostra prima i suoi occhi poi i propri odori. Queste macchie di colore che sgranano cercando altro, sembrano ricordi di qualcosa che poteva essere ma non è stato, infondo principio cardine della realtà: finzione in potenza!


Veneziano con animo intellettuale e cuore d'artista, nella sua pittura, matrimonio lirico tra critica ed etica, risponde che per capire una realtà è necessario raffigurarla a specchio: la specularità dell'animo umano è in ciò che creiamo. Lì deve cercarsi.


L'intellettuale non deve essere indifferente alla politica. Deve però essere indipendente da essa. [...] L'artista non deve servire alcun partito, ma soltanto la gioia e il dolore degli uomini
Albert Camus



Da ultimo colpiscono quattro figure in primo piano; le osserviamo, feroci dittatori, ospiti del silenzio. Né timore né condanna, le figure rimangono immobili, avvolte incolori.


Per un'ultima volta sono richiamate a dar mostra nel refettorio vuoto dell'anima, costrette a guardarsi, mentre le guardiamo: nude, simili, quattro vecchi Budda di civiltà cadute; l'azzardo di una profonda commozione, senza il canto di un cigno morente. Non le riconosciamo nemmeno. L'abisso dell'indifferenza.


Riflessa nelle loro coscienze calve, l'indifferenza li consuma. Gli occhi tristi, contriti, consunti. Le mani coprono pudiche di vergogna la produzione di sé, un corpo identico a ogni "nemico della verità" che hanno ucciso.



Pier Paolo Piscopo



0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page