top of page
Delivering Package

Tutor privato: offerte!

Dopo la prima lezione e il primo incontro conoscitivo, grandi offerte su tutoraggio online e aiuto compiti, attività extrascolastiche e lezioni di italiano per stranieri!

L’innovazione tecnologica e La società verde. Per una rivoluzione ecologica del Paese

Aggiornamento: 17 feb 2023


Questo è stato il tema della conferenza svoltasi ieri nell’Associazione “Centofiori” di V. Goito 35/b a Roma.


Giuseppe Civati e Annalisa Corrado hanno presentato i volumi “Due gradi” di Gianni Silvestrini e “Alla scoperta della green society” di Vittorio Cogliati Dezza.




I due testi partono dal tema dell’inquinamento, al fine di una presa di coscienza che riduca l’impatto dell’uomo sull’ambiente; ma mentre il libro dallo scienziato Gianni Silvestrini (Direttore scientifico del Kyoto Club, Presidente del Coordinamento Free e del Green Buliding Council Italia) prospetta i pericoli, dati alla mano, affrontandoli da un punto di vista economico-politico, quello di Vittorio Cogliati Dezza, filosofo e consulente scientifico (ex Presidente di Legambiente) lo fa da un punto di vista socio-politico.


In “Due Gradi” s’evidenzia lo scollamento tra il mondo scientifico che grida i pericoli a cui stiamo andando incontro, irreversibili, se non cambiamo i metodi di investimento e la politica italiana che rischia di rimanere in una posizione di subordinazione di fronte il futuro scenario economico internazionale e anacronisticamente fuori dalla Storia.

Il titolo richiama l’accordo di Copenhagen che previde nel 2009 di contenere a due gradi  l’aumento della temperatura media del Pianeta (nel 2015 le delegazioni di 196 Paesi lo hanno fissato a 1,5°) Oltre l’Europa, anche la Cina, l’India e gli Stati Uniti si sono impegnati a tagliare le emissioni.


La spinta positiva risiede nel constatare che i criteri fissati inizialmente con il protocollo di Kyoto (trattato internazionale riguardante il surriscaldamento globale redatto nel 1997) sono più perseguibili, perché i prezzi delle energie rinnovabili sono calati del 60%.


Questo dato fa da volano al concepimento dell’impatto ambientale come strategia economica per il futuro, infatti proprio Cina e India, che non furono tenute a ridurre le emissioni di anidride carbonica all’epoca, non essendo considerati tra i principali responsabili delle emissioni, oggi stanno riconvertendo il loro piano economico verso investimenti a lungo termine proprio in questa direzione, scoprendone il beneficio in termini di crescita economica.


Il libro inquadra i nuovi processi di sviluppo e ne rammenta l’inefficacia se questi non siano coadiuvati da un cambiamento collettivo degli stili di vita, chiedendosi quale forza politica avrà la forza di indirizzare il cambiamento e aprire un varco nelle convinzioni tradizionaliste per mettere in discussione i modelli consolidati.

Alla scoperta della green society” inquadra invece le nuove forme di società che si creano attorno i temi ambientali, che l’autore definisce “grumi di società” che testimoniano il cambiamento che già è in atto, bolle, ma ad un livello poco connesso e “basso”, ovvero non hanno delle proiezioni politiche che possano tradurre in sistema queste esperienze isolate.


In questo libro quindi si da spazio, voce e visibilità a gruppi sociali di persone che non per fini economici ma sociali, d’aggregazione, hanno sviluppato modi alternativi di stare insieme e che ricadono a livello di benefici sulle persone. L’autore parla di egoismo altruistico: esperienze individuali che partono da un bisogno personale di stare meglio con se stessi, ma che poi hanno degli effetti pubblici positivi sugli altri, in direzione di una migliore qualità della vita collettiva e di un sistema economico che considera le prospettive future.


Qui il video integrale curato da Michele Stallo


Pier Paolo Piscopo

0 commenti

Kommentarer

Betygsatt till 0 av 5 stjärnor.
Inga omdömen ännu

Lägg till ett betyg
bottom of page